facebook twitter
SPECIALI 25/02/2017

I riconoscimenti superano le aspettative


Film d’autore, pop-corn movies, cartoni animati, commedie, bellissime sorprese inaspettate e sicuri candidati agli Oscar: questa era la premessa del 2016 a inizio anno per i film indipendenti. I fatti parlano chiaro: come premi, nomination e riconoscimenti è stata una cavalcata trionfale, anche prima delle nomination agli Academy Award, dove i film indipendenti hanno dominato con il 78% delle 107 candidature totali nella categoria film.

Sono tantissime le opere realizzate e molti dei più grandi contendenti al premio sono stati prodotti, distribuiti, finanziati e/o venduti da IFTA, solo per citarne alcuni: 'Arrival' (FilmNation), 'Florence Foster Jenkins' (Pathé), 'Hacksaw Ridge' (Lionsgate / Summit, IM Global), 'Hell or High Water' (Sidney Kimmel Entertainment, Lionsgate), 'Jackie' (Wild Bunch), 'La La Land' (Lionsgate / Summit), 'Lion' (The Weinstein Company), e Manchester by the Sea (Sierra / Affinity), tutti realizzati al di fuori dei principali studios di Hollywood.

Quest'anno, 'La La Land' ha già fatto scorpacciata di applausi e premi: ai Golden Globes è stato il primo film a vincere sette trofei, trionfando in ogni categoria in cui è stato nominato. Con oltre 14 nomination agli Oscar eguaglia il record per numero di candidature di 'Titanic'(1998) di James Cameron (che poi ne vinse 11) e di 'All About Eve'(1950) di Joseph Mankiewicz (che ne portò a casa solo sei).


scritto da Riccardo Berni fonte American Film Market